IUS ET SALUS - Periodico online di diritto sanitario e farmaceutico

L’utilizzo della proroga, quale fattispecie di affidamento senza gara, comporta la violazione dei principi di libera concorrenza o di parità di trattamento ex art.30 comma 1 del D.lgs n.50/2016

L’ANAC ricorda alle Strutture Sanitarie committenti l’osservanza, inderogabile, dei principi di libera concorrenza e di parità di trattamento negli appalti pubblici in ambito sanitario.

Nell’esercizio dell’attività di vigilanza in materia di contratti pubblici, a seguito di una penetrante attività istruttoria, l’ANAC, con la delibera n. 501 del 25/10/2022, ha accertato un prolungato stato di irregolarità, anomalie e illegittimità nell’aggiudicazione e nell’esecuzione del servizio di ambulanze di un Policlinico del territorio nazionale. Con la delibera in evidenza l’Autorità di settore ha, difatti, verificato che, per anni, l’affidamento del servizio quinquennale di trasporto infermi non deambulanti e/o infortunati – mediante autoambulanze all’interno dell'Azienda Ospedaliera e, ove necessario, presso presidi sanitari e altre aziende ospedaliere del territorio – era stato affidato irregolarmente allo stesso raggruppamento temporaneo di impresa (Rti). A tali situazioni si erano pure aggiunte le mancanze di controlli da parte dell’Azienda Ospedaliera Locale. Più dettagliatamente, come verificato dall’ANAC nel corso dell’indagine, successivamente all’affidamento del servizio in esame, l’Azienda Ospedaliera aveva emanato una serie di determinazioni aventi a oggetto la proroga del contratto di appalto iniziale, in violazione del divieto di proroga e di rinnovo dei contratti pubblici, ex art. 23 della legge 18 aprile 2005 n. 62. Com’è stato evidenziato dall’Autorità indipendente di settore, in materia vige il principio inderogabile secondo il quale, salve espresse previsioni di legge compatibili con la normativa comunitaria, l’amministrazione, una volta scaduto l’affidamento, deve, qualora abbia ancora la necessità di avvalersi dello stesso tipo di prestazioni, effettuare una nuova gara pubblica. Di contro, l’utilizzo della proroga, quale fattispecie di affidamento senza gara, comporta – come nel caso di specie – la violazione dei principi di libera concorrenza e di parità di trattamento, ex art. 2, comma 1 del d.lgs. n. 163 del 2006, oggi art. 30 comma. 1 del d.lgs. n. 50 del 2016. In conseguenza dell’accertamento delle anomalie e irregolarità riscontrate, l’ANAC ha demandato alla Struttura Sanitaria interessata il compimento delle valutazioni e delle iniziative di propria competenza.

 

ANAC Delibera n. 501 del 25 ottobre 2022

 

logo laterale

DIRETTORE RESPONSABILE
Avv. Vincenza Di Martino

DIRETTORE EDITORIALE
Avv. Antonio Cordasco

DIRETTORE SCIENTIFICO
Prof. Guerino Fares

REDAZIONE
Via Pompeo Magno, 7 - 00192 Roma
Telefono +39 06 8072791
Fax +39 06 8075342
Email redazione@iusetsalus.it

REGISTRO DELLA STAMPA
Iscritta al Tribunale di Roma
in data 28/03/2019 al n. 40/2019

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

I contributi scientifici sono pubblicati per gentile concessione della Rivista quadrimestrale di diritto sanitario e farmaceutico Ius & Salus:

logo rivista

rivistaiusetsalus.it

ilmiositojoomla.it

Chiediamo il consenso al trattamento dei dati personali esteso alla profilazione ed all’eventuale trattamento tramite società terze nonché all’uso dei cookie. Cliccando sul bottone "Acconsento", acconsenti al trattamento dei dati necessari al funzionamento del sito e alla memorizzazione del consenso all'installazione di tutti i coookies, compresi quelli di terzi, per un perido di 48 ore, durante le quali non apparirà più questa informativa breve, ma sarà sempre possibile modificare le proprie preferenze accedendo alla informativa estesa contenuta nel sito. Per le finalità di utilizzo, la Privacy Policy e per rivedere la tua scelta in qualsiasi momento, clicca sul pulsante “Privacy e Cookie policy” o sul link presente in fondo ad ogni pagina del sito.